Dal verde delle vigne al green negli uffici: le scelte di Vitevis

[#tecnologiaVIrtuosa è una raccolta di testimonianze dei nostri clienti su come – con le giuste tecnologie – si possa lavorare meglio, in ottica di innovazione, di sostenibilità e di risparmio di costi e tempo. Storie virtuose (quasi tutte vicentine come noi) di grandi imprese, piccole aziende, liberi professionisti che rappresentano e fanno crescere il tessuto in cui viviamo].

C’è chi è green in modo naturale, perché dalla natura riceve la materia del suo lavoro. Cantine Vitevis è una di queste realtà, una società cooperativa agricola nata nel 2015 dalla fusione di tre Cantine storiche del vicentino: Cantina Colli Vicentini di Montecchio Maggiore, Cantina di Gambellara e Cantina Valleogra di Malo. Nel 2019 Vitevis si è ulteriormente rafforzata con l’incorporazione di Cantina di Castelnuovo del Garda, di Verona. Oggi Vitevis, con i suoi 1.350 Soci, copre un‘area di 2.800 ettari di vigneti nelle zone più vocate del Veneto. L’uva conferita dai Soci viene raccolta nelle quattro cantine di pigiatura per ottenere vino di qualità grazie ad impianti tecnologicamente avanzati e alla passione e professionalità di un team di enologi e cantinieri dedicato a ciascuna cantina. Vitevis può contare su 80 dipendenti distribuiti nelle quattro cantine, dispone di due linee di imbottigliamento per un totale di 11 milioni di bottiglie vendute e una linea dedicata ai fusti (100 mila fusti annui) per collocare sul mercato circa 50 denominazioni, dal Prosecco al Pinot Grigio, Merlot, Chardonnay, Soave, Gambellara, Colli Berici, Durello, Custoza, Bardolino, Lugana.

Di recente la cantina ha fatto investimenti in tecnologia e multifunzioni, soprattutto nella costruzione di una nuova sede direzionale a Gambellara. Ne abbiamo parlato con il Condirettore Generale. Davide Mascalzoni, e il Responsabile IT e acquisti, Leonardo Neri.

 

 

Dal verde delle vigne al green negli uffici. Quali scelte legate alla sostenibilità avete fatto nell’acquisto delle stampanti?

Sicuramente per un’azienda come la nostra, che nasce dal vigneto e dalla lavorazione di un frutto della terra, come è l’uva, è più facile maturare un’anima green, anche se non scontato. Proprio per questo ogni giorno, grazie al lavoro dei nostri agronomi e dei nostri tecnici, ci impegniamo a sviluppare e realizzare progetti di “sostenibilità”, declinandoli in mille modi: agricoltura di precisione, certificazione SQNPI (Sistema di Qualità Nazionale Produzione Integrata), compensazione delle emissioni di CO2, diagnosi energetiche costanti, packaging, ecc.

La nostra naturale inclinazione alla sostenibilità ci ha portato a rivedere completamente anche la gestione delle stampanti. Grazie all’aiuto dei nostri partner di Nuova Veneta Ufficio, abbiamo sostituito, riducendolo, il nostro parco stampanti, introducendo macchine multifunzione che consentono di lavorare sui documenti generati in azienda non necessariamente producendo “stampe”, ma scambiando e archiviando documenti digitali.

 

Quanto è stata importante la consulenza di NVU per definire gli strumenti giusti?

La consulenza di NVU è stata fondamentale, non solo per individuare tecnicamente le soluzioni più adatte alle nostre necessità ma anche per supportarci nella definizione di nuove policy aziendali in materia di gestione digitale dei documenti. A questo si aggiunge il supporto di NVU nell’analisi dei dati e quindi nel monitoraggio del livello di efficienza raggiunto.

 

Vitevis è in espansione, con una nuova sede a Gambellara. Quali tecnologie adotterete per lavorare in modo innovativo?

Per la nuova sede direzionale di Gambellara abbiamo acquistato dei monitor professionali che ci permetteranno di adottare uno stile di riunione innovativo. Oltre a rendere più efficiente il lavoro in riunione dei vari team aziendali, questi monitor consentiranno di ottimizzare le modalità di “riunione a distanza” con colleghi di altre Sedi, con clienti, fornitori, associazioni di categoria, ecc., che l’emergenza epidemiologica da Covid-19 ci ha inizialmente costretto ad utilizzare per farlo diventare invece in seguito un prezioso strumento di lavoro, evitando in tante occasioni lo spostamento di tante persone con conseguenti costi, inefficienze e, non ultimo, impatti ambientali.

Nella nuova sala di accoglienza e attesa dedicata ai nostri ospiti, abbiamo inoltre installato un monitor di “digital signage” con informazioni sia di comunicazione aziendale che di servizio.

 

Come vi immaginate il lavoro nei prossimi mesi (o anni)? Di quali tecnologie non potrete fare a meno? Negli uffici e in cantina.

In cantina stiamo sviluppando un progetto denominato “LCA (Life Cycle Assessment”) finalizzato ad analizzare, in ottica di sostenibilità e di riduzione dei consumi energetici, il cosiddetto “Ciclo di Vita del Prodotto”, dal vigneto fino allo scaffale di un supermercato o al tavolo del ristorante. Da questa analisi verranno individuati, con una scala di priorità, tutti gli interventi e i relativi investimenti da pianificare per i prossimi anni in tutte le aree aziendali, dal vigneto, alla cantina, alla produzione, alla logistica.

In area uffici svilupperemo ulteriormente strumenti tecnici e formativi dedicati all’ottimizzazione della gestione digitale dei documenti e alla comunicazione a distanza con i nostri partner.

 

VUOI RENDERE SOSTENIBILE LA TUA AZIENDA?
SCRIVICI!

 

 

Condividilo su:

Share This

Copy Link to Clipboard

Copy